LE MADRI Fondazione

per il miglioramento della qualità della vita

e del rapporto fra uomo e uomo

Antroposofia: una necessità del tempo
La  Scienza dello Spirito, in forme diverse, costituì la guida degli uomini nelle grandi scuole iniziatiche di tutti i tempi.
Rudolf Steiner (1861-1925) ne propose il rinnovamento come via di conoscenza complementare a quella delle Scienze naturali, facendola uscire dalla riservatezza e rendendola patrimonio dell’umanità.
Oggi la Scienza dello Spirito ad orientamento antroposofico, o Antroposofia, guida alla conquista della pienezza di ricerca scientifica nella comprensione del senso dell’uomo nel cosmo.
 

L'uomo è un essere spirituale che si incarna di civiltà in civiltà in corpi della linea genetica umana per conquistare sul piano terrestre la sua meta, maturando rapporti responsabili con il prossimo e con la natura. La comprensione di questo percorso può rafforzare tanto lo spirito comunitario quanto una degna riconoscenza per i tre Regni naturali che dell'uomo seguono le sorti.

Di conseguenza dal caos odierno possono emergere nuovi impulsi e organizzazioni sociali, così disperatamente cercati dalle forze umane positive:  Libertà di pensiero e quindi imprenditoriale, Uguaglianza di diritti, Fraternità nella organizzazione economica nazionale, dando la facoltà a tutti, nessuno escluso, di esprimere il proprio potenziale creativo. Tre sfere che devono trovare una loro vita indipendente nella Cultura, nello Stato, nell'Economia; tre sfere che non si prevarichino l'un l'altra ma si connettano e collaborino come tre soci alla pari. L'organizzazione sociale triarticolata è una necessità del tempo presente che vuole essere realizzata, pena la continuità della confusione, dell'ingiustizia e dell'emarginazione nelle nostre comunità sociali; dove democrazia e libertà rimangono ideali astratti, confusi fino all’estrema e paradossale giustificazione della pratica delle armi, se non trovano nell’ideale della Fratellanza, realizzato nelle economie nazionali e di conseguenza fra nazione e nazione, l’unico coronamento portatore di senso.

La povertà e la disoccupazione, figlie del sopruso e dell'egoismo, sono le malattie che demoliscono le comunità nazionali ed il contessuto Vivente terrestre. Esse sono il risultato di una cultura convenuta e gravemente imposta da una angusta e ostinata visione materialistica e meccanicistica del mondo che non soddisfa l’uomo capace di sentire nella sua profonda interiorità l'anelito ad una maggiore dignità e rispetto .

Solo la pienezza di una cultura viva, dove Scienza dello Spirito –quale è l’Antroposofia- sia al contempo Scienza della Natura (e pertanto appunto Cultura), può dare ali a quel sacrosanto anelito.

 

 

Quale maggior urgenza etica, ecologica ed economica?
Come sostenerci?

 Vedi anche:
SOCIETA' ANTROPOSOFICA UNIVERSALE

GRUPPO S.CRISTOFORO


ANTROPOSOFIA

TORNA IN TESTA